• Psicologia: scattare troppe foto rovina i ricordi

    Psicologia: scattare troppe foto rovina i ricordi

    L’ossessione di scattare foto per condividerle sui vari social pare danneggi la capacità di ricordarne il momento. Così sembra secondo uno studio della Victoria University di Wellington in Nuova Zelanda. L’indagine si è concentrata sugli effetti della fotografia sui ricordi dell’infanzia. Le persone scattano troppe foto che neanche guardano con troppa attenzione; il risultato è che non esiste più il tempo di catalogarle poiché si preferisce direttamente condividerle. Lo scatto frenetico, dunque, potrebbe causare la perdita di momenti preziosi.

    Uno studio precedente della Fairfield University (Connecticut) ha scoperto che le troppe foto possono impedire di avere ricordi più dettagliati. I ricercatori hanno chiesto a un gruppo di studenti di visitare un museo e fotografare alcune opere. Il giorno dopo i soggetti sono stati interrogati ed e’ stato così possibile verificare che essi avevano difficoltà a riconoscere le opere che avevano fotografato rispetto a quelle che avevano solo guardato.Per gli studenti e’ risultato difficile ricordare i dettagli delle opere fotografate. “La gente spesso – ha commentato Linda Henkel, scienziata che ha condotto lo studio – tira fuori le macchine fotografiche senza pensarci. Quando però si affidano alla tecnologia per ricordare, questo può avere un impatto negativo sul modo in cui si memorizzano le esperienze“.